La psicoterapia

La psicoterapia è un viaggio a volte difficile, a volte divertente, ma sempre affascinante. In questo viaggio si trova innanzitutto una relazione interpersonale basata sulla fiducia, sul rispetto e sull’empatia, al fine di superare i blocchi emotivi interni che impediscono spesso di vivere una vita piena.

A seconda degli scopi che si pone il cliente, la psicoterapia si pone l’obiettivo sia di risolvere i sintomi, sia di trovare i significati profondi della sofferenza dell’individuo, attraverso il lavoro sui pensieri, sulle emozioni e sul corpo. A questo scopo si avvale di specifiche tecniche psicologiche validate dalla letteratura scientifica. In sostanza, lo scopo principale della psicoterapia è quella di riportare la persona alla sua naturale tendenza all’autorealizzazione, alla valorizzazione di sé e ad un migliore adattamento.

Per questa ragione, nell’approccio umanistico e bioenergetico la persona è considerata nella sua totalità mente-corpo. La scissione tra ragione ed emozione che spesso caratterizza la nostra cultura determina un’interruzione dell’integrità individuale e sociale e quindi provocare nevrosi che spesso si manifestano anche sul piano somatico. Per questa ragione è importante lavorare non solo con la parola, ma anche coinvolgendo il corpo. La bioenergetica permette di lavorare anche sul respiro, sulla voce, sulla postura e sul movimento corporeo e promuove il contatto con se stessi attraverso una maggiore consapevolezza, padronanza ed espressività corporea.

Puoi trovare ulteriori informazioni sulla pagina di Wikipedia dedicata alla psicoterapia.

Possibili obiettivi

La psicoterapia può essere intrapresa per il desiderio di conoscere meglio se stessi, anche senza che siano presenti particolari sintomi. Più spesso ci si rivolge allo psicoterapeuta per:

  • Ansia e attacchi di panico
  • Depressione
  • Ossessioni e compulsioni
  • Fobie
  • Disturbi del comportamento alimentare
  • Dipendenze (da sostanze, da internet, da gioco d’azzardo)
  • Difficoltà relazionali nella coppia
  • Difficoltà sociali e lavorative
  • Traumi e abusi
  • Disturbi del sonno
  • Disturbi della sessualità
  • Stanchezza cronica
  • Blocchi emotivi

Come funziona la psicoterapia

Un percorso terapeutico non ha una durata definita ed è organizzato in tre fasi:

  • fase di valutazione, della durata di 2-3 colloqui per la definizione del problema e l’anamnesi (storia e vissuto del paziente e l’eventuale diagnosi). Possono essere somministrati alcuni test psicologici che sono discussi insieme al paziente.
  • definizione del progetto terapeutico condiviso tra psicoterapeuta e paziente, comprensivo di obiettivi a breve, medio e lungo termine in funzione di quanto emerso dalla prima fase. Vengono qui stabiliti i numeri di incontri e le strategie da adottare.
  • intervento psicoterapeutico vero e proprio, la cui durata è variabile e definita di volta in volta in funzione degli obiettivi del progetto terapeutico. In questa fase vengono utilizzate numerose tecniche psicoterapeutiche, tra cui il colloquio clinico, tecniche psico-corporee ed espressive, meditazione.